Aggiungi un posto in classe!


Un progetto di sostegno a distanza di studenti indiani

Cercando di conciliare le ridotte disponibilità economiche italiane coi bisogni materiali dei ragazzi indiani e con le finalità più squisitamente educative dell’Associazione, è nato, ad opera di Claudia (la nostra collaboratrice) e di sua madre Daniela, un nuovo progetto Namaste: Aggiungi un posto in classe!

Attraverso questa iniziativa, alle classi di due scuole imolesi (IIS F. Alberghetti e IIS Paolini-Cassiano da Imola) è stata presentata (con un coinvolgente gioco di ruolo) la realtà dove operiamo e ad ogni classe è stato proposto di sostenere a distanza un compagno indiano di pari livello scolastico.

uno dei bimbi (prima superiore) che ora è sostenuto dal progetto!

uno dei bimbi (prima superiore) che ora è sostenuto dal progetto!

Aggiungi un posto in classe sta raggiungendo diversi obiettivi:

1. raccogliendo un aiuto piccolo da tante persone ci ha permesso di iniziare il sostegno di ben 31 ragazzi e di iniziare anche a fare qualche lavoro più “grosso” per alcuni di loro (un apparecchio ortodontico, un pozzo, due latrine…);

2. facendoci conoscere da moltissime famiglie ha portato anche a una decina di adozioni “normali”, soprattutto da parte di insegnanti colleghi di Daniela;

una delle famiglie inserite nel progetto

una delle famiglie inserite nel progetto

3. a tutto questo si accompagna la finalità educativa: i nostri studenti sono venuti a contatto con realtà sociali e culturali molto diverse dalla loro, avendo così l’opportunità di riflettere sulle disuguaglianze che esistono nel mondo e sul valore del diritto allo studio, che nel nostro Paese viene dato per scontato o, peggio ancora, non adeguatamente sostenuto dalla pubblica opinione né dalle istituzioni.

pronta per entrare in classe!

pronta per entrare in classe!

Il progetto è iniziato con le presentazioni ad ottobre, è proseguito con un mercatino alla scuola Alberghetti in occasione di una festa dell’istituto (nel quale abbiamo raccolto i soldi per gli interventi più “grossi”), col Natale è iniziata la corrispondenza tra alcune classi italiane e i loro compagni indiani e, tra febbraio e marzo, sono stati organizzati dei contatti skype tra i ragazzi!

C'è posta!

C’è posta!

Se qualche insegnante ha voglia di dare un’occhiata al progetto per, eventualmente, pensare di proporlo alla sua scuola, qui sotto trovate la versione che è stata presentata al primo collegio dell’Alberghetti.

Aggiungi un posto in classe – presentazione primo collegio

Aggiornamento progetto ottobre 2016

Attualmente i ragazzi indiani coinvolti sono 62, 21 maschi e 41 femmine, di cui 9 universitari sostenuti da un gruppo di ex studenti e gli altri invece delle superiori, tra la nona e la dodicesima classe (tra la prima classe e la terza classe superiori). Sono coinvolte due scuole di Imola nelle quali tutte le classi partecipano, con più o meno adesioni (scuole Alberghetti e Paolini) e alcune classi di scuole di Bologna (Copernico, Laura Bassi, Galvani, Istituto d’Arte) dove ci sono colleghi disponibili. Più una classe di una scuola elementare di Rastignano. Uno dei punti di forza del progetto è la possibilità di relazionarsi attraverso una chiamata Skype, complicatissima da organizzare ma molto efficace!

PER APPROFONDIRE:

Il sistema scolastico indiano

Il sistema scolastico indiano è un bel po’ complesso . Si può entrare all’asilo dall’età di tre anni e mezzo, e gli asili sono di diversi tipi, ricordiamo gli Anganwadi, asili comunale dove viene insegnato poco, ma almeno fornito cibo (riso e pisell...