Agevolazioni Fiscali


Dal 1 gennaio 2018 entra in vigore la nuova normativa sul Terzo Settore per le agevolazioni fiscali.

Il Codice del Terzo settore ha modificato in meglio le normative sulle agevolazioni fiscali per chi dona (art. 83 D.Lgs. 117/2017 primo e secondo comma, http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/2/17G00128/sg).

L’Associazione NAMASTE onore a te è un Organizzazione di volontariato (ODV) e come tale gode della detraibilità e deducibilità delle donazioni. Queste sono le nuove disposizioni applicabili da parte delle ODV a partire dal 1 gennaio 2018.

Agevolazioni fiscali per le persone fisiche:

In tema di erogazioni liberali le ODV (Organizzazioni di Volontariato, come Namaste) usufruiscono di una normativa di maggior favore, rispetto agli altri ETS (Enti del terzo settore); infatti le donazioni in denaro e in natura sono detraibili al 35% fino ad un massimo di € 30.000 per ciascun periodo di imposta oppure in alternativa sono deducibili fino al 10% del reddito complessivo dichiarato. Queste nuove disposizioni sono applicabili da parte delle ODV a partire dal 1 gennaio 2018.

Agevolazioni fiscali per le aziende e enti:

Donazioni in denaro e natura deducibili fino al 10% del reddito complessivo dichiarato e rimozione del limite imposto dalla normativa precedente (70.000 euro/annui).
Se la deduzione supera il reddito complessivo netto dichiarato, l’eccedenza può essere dedotta fino al quarto periodo d’imposta successivo. Derrate alimentari, prodotti farmaceutici e altri prodotti non si considerano ricavi se ceduti a ETS (Enti del Terzo settore): la norma di riferimento rimane la legge 166/16 relativa alla donazione e alla distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi.

DETRAZIONE O DEDUZIONE?

In sede di dichiarazione dei redditi, vi consigliamo di chiedere, in base al vostro reddito dichiarato e alle conseguenti aliquote IRPEF applicate, se vi convenga usufruire della detrazione o della deduzione. Generalmente è più conveniente la deduzione, che spesso invece non è segnalata come opzione da chi vi compila la dichiarazione dei redditi.

NOTA:
la deduzione riduce l’imponibile del contribuente
la detrazione permette di ridurre direttamente l’imposta

I soggetti (privati o imprese) che effettuano la donazione devono indicare come causale del versamento “donazione / elargizione liberale / erogazione” ed eventualmente indicare il progetto che si vuole sostenere.
Sia per le persone fisiche che per le aziende, ai fini della deducibilità/detraibilità dell’erogazione, il versamento deve essere eseguito obbligatoriamente tramite operazioni bancarie (con bonifico, assegno bancario o carta di credito) oppure attraverso operazioni postali (tramite conto corrente postale). Le donazioni in contanti non rientrano in alcuna agevolazione.
Per fruire dei benefici fiscali concessi dalla legge è necessario conservare la ricevuta del versamento postale, l’estratto conto del conto corrente bancario o postale, l’estratto conto della carta di credito. Le donazioni in contanti non sono deducibili o detraibili.  Sono invece inutili, dal punto di vista legale, le sole ricevute rilasciate direttamente dall’Associazione.


COME COMPILARE IL MODELLO 730 – 2019 (Redditi 2018)

Per la DETRAZIONE inserire il codice 76 “Erogazioni liberali in denaro o natura a favore delle organizzazioni di volontariato (OV)” nel RIGO da E8 a E10.

Per la DEDUZIONE Rigo E36 – “Erogazioni liberali in denaro o in natura in favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale”.
A partire dall’anno d’imposta 2018 le liberalità in denaro o in natura erogate a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale sono deducibili dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore nel limite del 10 per cento del reddito complessivo dichiarato. Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi d’imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare.


Per il Cinque per Mille, invece, il nostro codice fiscale è 911 535 703 78 e vi invitiamo a leggere la sezione dedicata.