Il sostegno in famiglia e in casa-famiglia


Le adozioni a distanza

o, più propriamente,

il “sostegno in famiglia”

 o in “casa-famiglia”

7Gli “Amici di Rimini & C.” sostengono a distanza 56 bambini (di cui 3 in Moldavia), le cui famiglie non sono in grado di mantenerli o mandarli a scuola a causa di disoccupazione o malattie.
Il sostegno rappresenta spesso la vera alternativa all’orfanotrofio e al “lavoro forzato”, permette al bimbo un’adeguata formazione scolastica e assistenza medica e, in alcuni casi, consente alla famiglia di integrare le scarsissime risorse mensili per il cibo.
Il rapporto, di durata triennale, viene seguito con grande attenzione dai responsabili dell’associazione in ogni singolo villaggio; periodicamente l’associazione trasmette ai sostenitori notizie aggiornate sullo stato di salute, sul rendimento scolastico, sugli avvenimenti importanti riguardanti la famiglia e sull’aiuto erogato.

Nel caso in cui le famiglie non siano in grado di  rispondere in modo adeguato al bisogno di cibo, cure, affetto ed istruzione, Namaste propone l’inserimento del bimbo in casa-famiglia, ove genitori indiani o, più frequentemente, anche una sola mamma indiana, si prendono cura di questi bimbi normalmente in aggiunta ai propri, offrendo loro, oltre ad un cibo casalingo, una buona educazione ed un aiuto negli studi. Sono 5 i bambini o bambine adottati dal gruppo “Amici di Rimini & C.” che vivono in case-famiglia, con risultati davvero incoraggianti.

Gli “Amici di Rimini & C.” visitano ogni anno ciascun bimbo, raccogliendo informazioni che trasmettono al rientro in Italia ai singoli sostenitori.

Si può aderire al progetto di “sostegno a distanza” con le modalità riportate nella sezione “Scheda adesione”; informazioni possono essere richieste anche al referente locale dell’associazione: Gabriele Burnazzi, tel. 338 6797018, e-mail burnazzi.gabriele@gmail.com.