Il più bel regalo mai ricevuto in 29 anni: contribuire, insieme gli amici, al progetto Dispensario diffuso!


Silvia, dottoranda all’Università di Bologna, “quasi scienziata”, come si definisce, parla dell’incontro con Namaste paragonandosi a un piccolo satellite che ha incrociato la nostra rotta… bellissima metafora, ma ancor più significativa la scelta di chiedere agli amici, al posto dei regali di compleanno, una donazione per il nostro progetto. Ecco la sua testimonianza.

Cari amici di Namaste,
sono Silvia, dottoranda presso l’Università di Bologna in Biologia Cellulare e Molecolare. Sin da bambina ho sempre sognato di poter diventare una “scienziata”, e ad oggi posso dire che il mio sogno, seppur con qualche sacrificio, si sta realizzando. A questo però se ne sono aggiunti altri!
Conosco Antonella e Lele da un po’ di anni, e il loro entusiasmo è stato estremamente contagioso già dal primo incontro. Il loro impegno costante in Namaste è testimonianza viva di come sia possibile amare incondizionatamente, e se persone come loro sono in grado di unire alla volontà la costanza, a noi piccoli satelliti che di tanto in tanto incrociamo le loro rotte, non ci resta che offrire aiuto saltuario, anche se con tutto il cuore.
È essenzialmente questo il motivo che mi ha spinta a fare una donazione in occasione del mio compleanno. Va detto che il regalo che desideravo realmente era partire con Lele a febbraio. In modo molto egoistico se volete avrei preferito nettamente arricchire me stessa dell’esperienza in India, ingigantire il mio cuore con la bellezza che avrei incontrato laggiù, fare tesoro dei sorrisi, delle preghiere e dei ricordi.
La rinuncia… momentanea, è un altro sogno!… fa parte di quei sacrifici di cui parlavo sopra, perciò ecco che mi è venuta l’idea di donare i soldi del regalo di compleanno. Lo sforzo è stato minimo e la soddisfazione tanta, grazie soprattutto all’appoggio mai vacillante dei miei amici che hanno accolto la mia proposta senza indugio alcuno. Raccolte le quote, la somma è stata destinata al progetto del Dispensario diffuso per le aree disagiate del Tamil Nadu che si sviluppa nelle aree isolate del distretto di Colachel, nella punta sud-occidentale dell’India del Sud. In questo modo, anche non potendo partire, il mio pensiero è giunto comunque in quelle terre e posso fantasticare su come questa opera verrà compiuta anche grazie a questo piccolo contributo. Devo ringraziare i miei amici perché penso sia stato il più bel regalo mai ricevuto in 29 anni e, data l’immensa gioia che ne è derivata, credo non avrò esitazioni a replicare. Ecco tutto, si può dire che io non abbia fatto nulla tranne chiedere l’IBAN giusto ad Antonella perché, altrimenti, avrei finito per cercare disperatamente nel cyberspazio.
Quindi Grazie a voi amici di Namaste per quello che fate tutti i giorni. Un caro abbraccio,
Silvia